Breda di Piave: cenni storici

Frazioni:   Campagne   Pero   Vacil   Saletto   San Bortolomeo          HOME 

Abitanti (dati 1995): 5811
Altitudine ed estensione: 23 mt, 25 Kmq

Cenni storici:

Il nome Breda (Brayda) Ŕ di etimologia latina, e fa riferimento ai poderi assegnati ai soldati veterani romani.
Ritrovamenti di selci lavorate, fibule in bronzo, anfore e tombe presuppongono un insediamento paleoveneto.
Si fa risalire la chiesa di Breda attorno al 900 costruita da monaci Benedettini e dedicata a San Paolo, il vecchio campanile si pensa che originariamente fosse  la torre del castello.
Successivamente nel 1119 da un atto di vendita, dei fratelli Umberto e Ruberto del fu pellegrino da Spineda che cedono al conte Walberto di Cavaso di una porzione di castello, della cappella dedicata a San Paolo, ecc.
Tra l'anno 1297 e il 1307 il castello e la chiesa passano sotto la gestione dei "Templari" come risulta da un documento del 1310.
 Con la soppressione dei Templari c'Ŕ il passaggio dei beni ai Giovanniti.
Nel medioevo si segnalano frequenti alluvioni del Piave, ma con l'avvento della  con la Serenissima repubblica di Venezia si procede alla costruzione dei 3 argini di contenimento e salvaguardia, ancora oggi in buona parte efficienti.
Il periodo di prosperitÓ per la zona finisce con la caduta della "Repubblica di Venezia" e L'occupazione da parte di Napoleone.
Di seguito la cessione al regno di Austria e successivamente occupazione da parte del regno dei Savoia la vita non miglior˛.
Tutti questi eserciti requisirono e tassarono pesantemente per finanziale le campagne di guerra, con la popolazione ridotta in miseria dovette in buona parte emigrare verso l'America Latina.
Questo paese Trevigiano da sempre a prevalenza agricola  noto per i suoi vini, per i vivai piante, negli ultimi anni spinto dall'operositÓ delle sue genti si sta distinguendo in campo artigianale ed industriale proiettandosi nel mercato globale.

Luoghi da visitare:

La chiesa Parrocchiale conserva una pala
di Giovanni Pietro Meloni (1543),
affreschi del tardo ottocento e un organo Callidiano
di scuola veneta (XVII sec.), di immagini sacre.

Villa Spineda, progettata
dall'architetto Giovanni Mazzi alla fine del XVIII secolo.
La struttura Ŕ a tre piani coronata da vasi ornamentali, e sulla facciata la stemma della famiglia che la fece costruire, e ospit˛ piu volte Ugo Foscolo.

Villa Olivi Ŕ un'ampio edificio ottocentesco,
 con una trifora sulla facciata e delimitata da un poggiolo.

CAMPANILI DI BREDA
Chiesa attuale

CHIESA DI BREDA
Vista frontale

 CHIESETTA CON SFONDO VILLA SPINEDA
Chiesetta con vista su
"villa Spineda"

MUNICIPIO VECCHIO A BREDA
Vecchia sede Municipale

 

Vi siamo grati se ci mandate 
del materiale per arricchire la pagina
  alvisepiccoli@libero.it

 

MUNICIPIO DI BREDA DI PIAVE
   Piazza D. Olivi n.16 -31030-Breda di Piave ( Treviso ) Italia

Centralino 2 linee       

Tel- 0422 600153
Fax-0422 600187

Anagrafe      

0422 600170
bredasoc@tin.it

Polizia Municipale  

 0422 600214
bredasoc@tin.it

Assistente sociale     

0422 600116
bredasoc@tin.it

Ufficio tecnico   

0422 600136
bredatec@tin.it

Segreteria

bredaseg@tin.it

Segretario comunale

bredadir@tin.it

Ragioneria

bredarag@tin.it

Labirinto informagiovani

labirint@tin.it

Biblioteca

0422 600207
bibliobr@tin.it